L'autismo e la terapia multistemica in acqua

Studente: Moretton Michela
Titolo tesi: L'autismo e la terapia multistemica in acqua
Docente relatore: Prof. Miatto Enrico
Docente controrelatore: Prof. Benvenuti Loris
Presidente commissione di tesi: Prof. Salerno Vincenzo

Data discussione tesi: 10/1/2018
Laurea Triennale internazionale in: Licenza - Laurea magistrale in Progettazione e gestione degli interventi socioeducativi

 

Il disturbo autistico è una complessa disabilità dello sviluppo che compare durante i primi tre anni di vita. È un disturbo neurologico che agisce sul funzionamento del cervello nelle aree dell'interazione sociale e delle abilità comunicative. I bambini autistici normalmente hanno difficoltà nella comunicazione verbale e non verbale, nelle interazioni sociali, e nelle attività legate al tempo libero ed al gioco. La malattia rende loro difficile comunicare con gli altri e relazionarsi con il mondo esterno. In alcuni casi, può essere presente un comportamento aggressivo o autolesionista ed esibire ripetuti movimenti del corpo (agitare le mani, dondolarsi, ect...).
È proprio in questo contesto che si inserisce il progetto di ricerca “Terapia Multisistemica in acqua” che ha l’intento di diminuire le distanze tra il divario che c’è tra “patologia” e “normalità”, dando così alle famiglie dei bambini affetti da tali patologie un valido strumento per poter integrare il proprio figlio.
Sebbene non ci sia una cura per questa patologia, un trattamento appropriato può migliorare lo sviluppo del bambino con spettro autistico e ridurre i comportamenti indesiderati e socialmente non condivisi.
All’interno di questa tesi, quindi, presenterò i benefici della Terapia Multisistemica in Acqua (T.M.A.), in particolare i benefici che derivano dal poter praticare un’attività sportiva, dal poter condividere con altri l’emozione di aver o essere capaci in qualcosa. Lo sport, e in questo caso il nuoto, aiuta la persona con autismo a scaricare la propria aggressività, ad acquisire manualità, inserirsi nel gruppo dei pari, migliorare la qualità di vita.

 

The autistic disorder is a complex growth disability which appears during the first three years of the child’s life. This is a neurological disorder that affects the social interaction areas and communications skills areas of the brain. Autistic children usually have difficulty in verbal and non-verbal communication, in social interactions, and in activities related to free time and play. This disease makes it difficult for them to communicate with others and to relate to the outside world. In some cases, an aggressive or self-injuring behaviour and repetitive body movements (shaking hands, body swinging, etc…) may be present.
It is precisely in this context that the research project "Multisystem Water Therapy" is inserted, that has the intent to reduce the distances of the gap between "pathology" and "normality", thus giving families of children affected by these diseases a valuable tool to integrate their child.
Although there is no cure for this disease, appropriate treatment can improve the development of the child having autistic spectrum and reduce unwanted and socially unacceptable behaviours.
In this thesis, therefore, I am going to present the benefits of Multisystem Water Therapy (T.M.A.), in particular the benefits coming from have the possibility of practice a sport activity and share with others the emotion of having or being able in something.
The sport, and in this case swimming, helps the autistic person to release their aggressiveness, and acquire dexterity, join the peer group, improve the quality of life.