Quando la relazione diventa una prigione. Meccanismi della violenza domestica coniugale ed effetti psicologici nella donna vittima

Studente: Marta Chiarin
Titolo tesiQuando la relazione diventa una prigione. Meccanismi della violenza domestica coniugale ed effetti psicologici nella donna vittima
Docente relatore: Prof. Moreno Blascovich
Docente controrelatore: Prof.ssa Beatrice Saltarelli
Presidente commissione di tesi: Prof. Marco Emilio
Data discussione tesi: 25 ottobre 2019
Laurea Triennale Internazionale in: Scienze dell'educazione - Educatore sociale

Questa tesi descrive un fenomeno che oggi è molto diffuso: la donna che subisce violenza all’interno delle mura domestiche, da parte del proprio compagno. È un problema presente da sempre nelle società e diffuso in tutto il mondo, un tema molto ampio e complesso. In questa ricerca si traccia una panoramica in cui vengono descritte le caratteristiche principali della violenza domestica coniugale. Ci si concentra sulle origini storiche della violenza di genere per cercare di capire perché essa esiste, andando a vedere cos’è il sesso e cos’è il genere, cosa significa violenza basata sul genere e come si manifestava nelle epoche passate (in particolare nel periodo medievale). In un secondo momento si definisce e si descrive la violenza domestica oggi, come essa viene applicata e la sua diffusione nel mondo; andando poi a esporre le forme con cui essa si presenta e quali meccanismi psicologici caratterizzano una relazione violenta, i quali fanno sì che la donna ne resti intrappolata senza riuscire nella maggior parte dei casi a lasciare il partner violento. Infine, l’attenzione viene posta sulle conseguenze traumatiche che la donna vittima di violenza domestica coniugale incontra, anche dopo la fine della relazione. Ci si concentra in particolare sugli effetti di tipo strettamente psicologico come il disturbo post-traumatico da stress, la rabbia, il senso di colpa e la depressione. Elementi molto intensi che come si vedrà modificano completamente la vita della donna.

This thesis describes a phenomenon that is widespread today: the woman who suffers violence in the home, from her partner. This problem has always been present in societies and is widespread throughout the world, a very wide and complex issue. In this research an overview which describes the main characteristics of conjugal domestic violence is traced. We focus on the historical origins of gender-based violence to try to understand why it exists, looking at what sex is and what gender is, what gender-based violence means and how it manifested itself in the past (in particular in the medieval period). In a second moment today’s domestic violence is defined and described, showing how it is applied and its diffusion in the world.
By exposing the forms with which it presents itself and the psychological mechanisms which characterize a violent relationship, is understandable that this may cause the woman to become trapped without being able in most of the cases to leave the violent partner. Finally, the focus is set on the traumatic consequences that the woman victim of conjugal domestic violence encounters, even after the end of the relationship. We focus in particular on strictly psychological effects such as post-traumatic stress disorder, anger, guilt and depression. Very intense elements which, as will be seen, completely modify the life of the woman.