images/grafica/TESTATE/pedagogia/covegni.png

Seminario Internazionale IUSVE: Creare comunità di apprendimento integrali e sistemiche.

Titolo: Seminario Internazionale IUSVE: Creare comunità di apprendimento integrali e sistemiche. L'esperienza della Facoltà di Lettere e Scienze dell'Educazione di Mondragon Unibertsitatea
Creando comunidades de aprendizaje integrales y sistémicas: La experiencia de la Facultad de Humanidades y Ciencias de la Educación de Mondragon Unibertsitatea.
Data: 22 Maggio 2021.
Orario: dalle 14.00 alle 16.30

L'evento si terrà online su piattaforma ZOOM.
Il link sarà inviato prima dell'evento agli iscritti.
E' necessario accedere con account ZOOM

Programma
14.00 – prof. Enrico Miatto
Apertura dei lavori: Modelli e prospettive per una università “in uscita”

14.15 – prof.ssa Nagore Ipiña Larrañaga
La realtà accademica come comunità di apprendimento integrale e sistemica

14.40 – prof.ssa Ainara Imaz Aguirre
L’esperienza della Facoltà di Lettere e Scienze dell'Educazione di Mondragon Unibertsitatea

15.00 – proff. Emanuele Balduzzi – Marco Emilio
Esperienze a confronto: il dialogo aperto tra comunità accademiche

15.30 – prof. Emanuele Balduzzi

Il seminario sarà centrato sul tema delle comunità accademiche di apprendimento, con particolare riferimento ai processi partecipativi ed educativi tra docenti e studenti e tra istituzione universitaria e comunità locale.
L’incontro sarà un'occasione per scoprire l’esperienza accademica della Facoltà di Lettere e Scienze dell'Educazione di Mondragon Unibertsitatea nei Paesi Baschi attraverso la relazione delle prof.sse Nagore Ipiña Larrañaga (Decana della Facoltà di Lettere e Scienze Umane) e Ainara Imaz Aguirre (Docente di innovazione e interventi in contesti multiculturali e multilinguistici).
Il seminario è aperto a tutti, in particolare ai docenti ed agli studenti dello IUSVE.

Comitato Scientifico:
Proff. Emanuele Balduzzi, Marco Emilio, Enrico Miatto

iscriviti

Abstract del seminario internazionale

Creare comunità di apprendimento integrali e sistemiche.
L'esperienza della Facoltà di Lettere e Scienze dell'Educazione di Mondragon Unibertsitatea

Mondragon Unibertsitatea è un'università cooperativa che si caratterizza per il suo impegno nella trasformazione sociale e nei legami con l'ambiente, la sua vocazione umanista e il suo modello di formazione, innovativo e pratico, che considera come soggetti principali la persona e la comunità. Questa prospettiva si concretizza in uno particolare modello partecipativo e nella creazione sistemica di più comunità di apprendimento.
La presentazione inizierà contestualizzando gli assi del modello di università cooperativa e porrà particolare enfasi sui meccanismi che incoraggiano la partecipazione di tutta la comunità educativa al progetto. In una secondo momento saranno analizzate la struttura e le pratiche per la creazione di comunità di apprendimento accademico nella facoltà di scienze umane e dell'educazione.
Saranno condivise anche le prospettive relazionali create tra gli agenti (studenti/personale, docente/comunità locale) coinvolti nei processi realizzati.
In conclusione, saranno condivise le sfide affrontate e quelle da affrontare per la creazione di comunità di apprendimento all’interno dei contesti universitari.


Creando comunidades de aprendizaje integrales y sistémicas: La experiencia de la Facultad de Humanidades y Ciencias de la Educación de Mondragon Unibertsitatea.
Mondragon Unibertsitatea es una universidad cooperativa que se caracteriza por su compromiso de transformación social y vinculación con el entorno, su vocación humanista y su modelo formativo innovador y  práctico que considera a la persona y a la comunidad como eje principal del proyecto. Todo ello se concreta en el modelo participativo y la creación de comunidades de aprendizaje sistémicas.

Esta presentación comenzará por contextualizar los ejes del modelo de universidad cooperativa y pondrá especial énfasis en los mecanismos que fomentan la  participación de toda la comunidad educativa en el proyecto. Se detallará, en una segunda fase, la estructura y las prácticas para crear comunidades de aprendizaje académicas en la Facultad de Humanidades y Ciencias de la Educación. Se compartirán también las perspectivas relacionales que se crean entre los agentes (estudiantes/profesorado/comunidad local) que intervienen en los procesos  llevados a cabo. Como conclusión, se compartirán los retos tanto afrontados como retos a afrontar para la creación de comunidades de aprendizaje.

Per maggiori informazioni:
prof. Enrico Miatto (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

FOCUS - Dall’indifferenza alla partecipazione

Titolo Focus: Dall’indifferenza alla partecipazione. La musica di Luca Bassanese per i diritti degli offesi, una cittadinanza propositiva e una società solidale
Data:  21 maggio 2021
Orario: dalle 15.45 alle 16.45

Guarda le registrazioni del focus qui:
Guarda su YouTube
Guarda su Facebook


La musica di Luca Bassanese traccia, fin dagli esordi, molteplici occasioni di riflessione sul tema del riconoscimento dell’altro, del rischio dell’indifferenza, della necessità di guardare l’altro con lo sguardo di chi non categorizza ed esclude. L’attenzione ai “diritti degli offesi”, per parafrasare una delle sue canzoni, e alla necessità di prendersi cura della “casa comune” (la Terra, ma anche la comunità in cui viviamo) sono alla base di tutta la sua più recente discografia. Una musica non di protesta, ma di proposta. Una musica che può essere strumento per educare ai diritti umani e ad una cittadinanza democratica, propositiva e partecipativa.

L’incontro/intervista sarà trasmesso da CUBE Radio e farà parlare parole e musica e vedrà l’intervento del Prof. Christian Crocetta, Professore Stabile di Diritti Umani ed Educazione alla cittadinanza democratica, IUSVE.

Programma

  • Saluto introduttivo del Responsabile dell’Area di Pedagogia Prof. Enrico Miatto
  • Introduzione del Prof. Christian Crocetta
  • Intervista a Luca Bassanese (parole e musica) a cura del Prof. Christian Crocetta e di CUBE Radio

Luca Bassanese è un cantautore e scrittore italiano, molto attivo nel sociale, in particolare con i movimenti ambientalisti e di impegno civile. Targa MEI (Meeting Etichette Indipendenti) come “miglior artista per la musica popolare”, già vincitore Premio Recanati Musicultura e Attestato di Merito per l'Impegno Civile (Premio Nazionale "Marcello Torre"). Scrivono di lui: “Luca Bassanese non è solamente un autore e un interprete prolifico e fantasioso, ma un artista sovversivo che cerca cioè di sovvertire l’ovvio dentro le parole, l’opaco negli sguardi, il fasullo nei pensieri, così da liberare energie e passioni e dare voce a quanto c’è ancora di genuino e libero”.

Una musica coinvolgente e un linguaggio originale e diretto, mai paternalistico o retorico, per realizzare il sogno di una società solidale e sostenibile: “In questa società liquida cadiamo spesso nell’oblio navigando nel mare del nulla, qualcuno si rifugia su di un’isola ma questo non basta, abbiamo bisogno di una terra comune sulla quale ripartire, una terra solida, più che solida: solidale e sostenibile!” (Luca Bassanese).

 

FOCUS - Le disabilità, i racconti e i contesti. Riflessioni a margine del docufilm Zigulì

Titolo Focus: “Le disabilità, i racconti e i contesti. Riflessioni a margine del docufilm Zigulì”
Data:  27 maggio 2021
Orario: dalle 9.00 alle 13.00
L'evento è online su piattaforma Zoom.
Il link verrà inviato dopo aver effettuato l'iscrizione.

Il Focus entra nel merito degli sguardi che si collocano alla genesi di un discorso sulla diversità umana e le fragilità che sul piano del vissuto ne conseguono: fragilità delle persone, dei contesti, delle istituzioni. A muovere dal concreto vivente che offre la storia di Moreno, figlio con pluridisabilità di Massimiliano Verga, sintetizzata nel documentario “Zigulì”, il focus, rivolto a studenti, educatori, pedagogisti e a quanti sono interessati al tema, si offre come occasione di approfondimento di questioni radicali che interpellano, in chiave inter- e multi- disciplinari, i diritti, l’etica, l’educazione.

Programma

  • 9.00 Accoglienza partecipanti
  • 9:15 Disabilità, dipendenza e fragilità umana: Zigulì e l'incontro con l'umanità che siamo. (Prof. Christian Crocetta, IUSVE)
  • 9.30 Disabilità, racconti e contesti: una breve introduzione al docufilm Zigulì (Prof. Massimiliano Verga, Università di Milano-Bicocca)
  • 10.00 visione docufilm 'Zigulì" (2020, regia: Francesco Lagi) tratto dall'omonimo libro di Massimiliano Verga (Mondadori, 2012)
  • 11.00 La disabilità: dal film alla parola che educa. Dialogo aperto fra Autore e studenti (introduce e coordina: Prof. Enrico Miatto, IUSVE)
  • 12:30 Conclusioni 
iscriviti

Verga Massimiliano è professore aggregato di Sociologia dei diritti fondamentali presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Milano Bicocca. Presso la medesima Università, a partire dal 2006, ha insegnato anche Metodologia della ricerca socio-giuridica, Elementi di filosofia e Sociologia del diritto e Sociologia del diritto. È ricercatore confermato a tempo indeterminato in Sociologia del diritto (IUS/20). PhD in Sociologia del diritto. Referente per la disabilità del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Milano Bicocca. Docente del Corso di perfezionamento “Diritti e inclusione delle persone con disabilità in una prospettiva multidisciplinare” presso l’Università degli Studi di Milano (dal 2016). Vice Presidente dell’Associazione di Studi su Diritto e Società (dal 2018). Già Segretario e componente del Direttivo dell’Associazione di Studi su Diritto e Società (dal 2009 al 2018). Segretario e componente del Direttivo della sezione di Sociologia del diritto dell’Associazione Italiana di Sociologia (dal 2001 al 2008). Socio della Società Italiana di Filosofia del Diritto.

Seminari di ricerca sulle fonti del pensiero di papa Francesco

Titolo: Seminari di ricerca sulle fonti del pensiero di papa Francesco
Date: 24 maggio e 7 giugno 2021
Orario: dalle 17.00 alle 19.00
L'evento è online su piattaforma Zoom.
Il link verrà inviato prima dell'evento agli iscritti.
Per accedere è necessario un account Zoom.

Il seminario Uno sguardo sulle principali fonti del pensiero di papa Francesco è la prima tappa del progetto di ricerca La pedagogia implicita di papa Francesco nell’area di Pedagogia dello IUSVE.

La prima fase di questo percorso vede la realizzazione di due seminari volti ad esplorare le principali fonti del pensiero di papa Francesco.
Il primo appuntamento sarà lunedì 24 maggio 2021 con il prof. Massimo Borghesi (Università di Perugia) e il secondo lunedì 7 giugno 2021 con il prof. Silvano Zucal (Università di Trento).

La successiva fase del percorso (autunno/inverno 2021) si articolerà in alcuni seminari di ricerca volti ad esplorare le principali questioni emergenti dal pensiero di papa Francesco che interrogano la ricerca pedagogica e la pratica educativa. Il percorso si concluderà con un convegno finale nella primavera/estate 2022.

I seminari di ricerca sono rivolti a docenti, studenti, ex-studenti dell’area di pedagogia dello IUSVE e a persone interessate all’approfondimento del pensiero di papa Francesco in prospettiva pedagogica.

Più in basso si può scaricare un sintetico materiale preparatorio al seminario e si trova il link per l'iscrizione ai seminari di ricerca. L'iscrizione è obbligatoria e permette di ricevere il link per la partecipazione al seminario di ricerca.

Il gruppo di ricerca è composto da: prof. Andrea Pozzobon (direttore), prof.ssa Laura Vedelago, prof. Andrea Conficoni, prof. Loris Benvenuti, dott.ssa Elena Piatto.

Per informazioni
Andrea Pozzobon (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Materiali incontro 24 maggio 2021



Materiali incontro 7 giugno 2021


Iscriviti
iscriviti

FOCUS - Arte teatrale, pedagogia teatrale e cura: tra teatro e spettacolo nell'esperienza di "Paradiso"

FOCUS - Arte teatrale, pedagogia teatrale e cura: tra teatro e spettacolo nell'esperienza di "Paradiso"
Data: 15 maggio 2021
Ore:  dalle 09.00 alle 12.30
Docenti: Pierangelo Bordignon, Carlo Presotto, Lucia Ferraro
Relatore: Stefano Masotti 
Il focus si terrà online meet.google.com/acg-fdig-yyb
Per accedere è necessario utilizzare un account Google.

Il focus è indirizzato in particolare a studenti del secondo anno delle aree di Pedagogia di IUSVE e a chi desideri approfondire il nesso cura e teatro.

Il teatro è interessante, affascinante, seducente, ma non può essere un fine, a se stesso; è uno strumento, così come la psicologia clinica e di comunità. Mezzi da utilizzare per favorire la relazione con le persone, per lavorare con le persone, per avvicinarle, incontrarle, frequentarle; per fare arte teatrale, pedagogia o cura e spesso tutto questo contemporaneamente.

Arte, pedagogia e cura sono tre luoghi o meglio rappresentano tre opportunità – in particolare in una società come la nostra, che si sta ammalando sempre più – per cogliere la possibilità di rispondere ad un’assunzione di responsabilità. La persona deve diventare la nostra responsabilità. Questi tre luoghi sono tre opportunità di movimento umano, di cambiamento umano, di trasformazione e potenzialmente (ovviamente) di guarigione. Degli spazi, insomma, per poter incidere (intervenire) sulla qualità della vita (QOL-OMS) delle persone.

Il focus propone agli studenti di interrogarsi, anche in maniera esperienziale, su quali elementi, del campo intersoggettivo-sociale, non possano mancare in una qualsiasi relazione - quindi anche in quella teatrale - per poterla definire una relazione pedagogica sufficientemente buona.

In particolare si concentrerà su alcuni nuclei della dinamica creativa/pedagogica:

  • accettazione incondizionata dell'altro da sè;
  • capacità di riconoscere la soglia di tolleranza dell'esperienza della persona;
  • capacità di riconoscere/creare crisi buone e sostenibili e profezie che si autoavverano virtuose;
  • capacità di sintonizzazione-rottura-riparazione-sintonizzazione;
  • (ir)risolutezza dell'artista/operatore/pedagogista (teatrale).

Docenti: Pierangelo Bordignon, Carlo Presotto, Lucia Ferraro

Programma

  • 9.00 Saluto introduttivo
  • 9.15 Tavola rotonda con Stefano Masotti
  • 10.30 pausa
  • 10.45 Dal dire al fare Sessione laboratoriale esperienziale
  • 12.00 Tavola rotonda e conclusioni
Stefano Masotti è teatrante, formatore, psicologo/psicoterapeuta in Analisi bioenergetica, ideatore e fondatore di ZeroFavole. Indaga la possibilità di realizzare, contemporaneamente, progetti artistici e processi psico-pedagogici per l'inclusione e la formazione della  persona con l'arte teatrale. Insegna Bioenergetica all'Accademia d'Arte Drammatica Cassiopea di Roma.

Service Learning universitario: una nuova prospettiva di apprendimento e terza missione

Titolo Focus: Service Learning universitario: una nuova prospettiva di apprendimento e terza missione
Data:  6 maggio 2021
Orario: dalle 14.30 alle 17.00
Il focus si terrà online.  meet.google.com/djo-hcqf-gdb

Il focus è indirizzato a docenti e studenti delle aree di Pedagogia, Psicologia e Comunicazione ed Educazione di IUSVE.

Il Focus ha l’obiettivo di presentare alla comunità accademica la teoria e la pratica del Service Learning come processo di apprendimento e opportunità di sperimentazione pedagogica.

Il Service Learning è un approccio formativo che, in modo organico, integra nel curricolo accademico attività significative di impegno degli studenti all’interno delle comunità locali e propone uno sviluppo delle competenze che deriva dal coinvolgimento attivo e dall’incontro con problemi del “mondo reale”.

L’apprendimento di tipo esperienziale su cui si strutturano i processi di Service Learning promuove, in particolare, connessioni tra le discipline accademiche curricolari e gli insegnamenti professionalizzati. 

Negli ultimi vent’anni, progetti di Service Learning sono stati attivati in diverse istituzioni accademiche in Europa, USA e più recentemente in Italia.

L’incontro vedrà l’intervento del Prof. Italo Fiorin docente di Pedagogia Sociale alla Libera Università degli Studi Maria SS. Assunta di Roma e Direttore della Scuola di Alta Formazione "Educare all'incontro e alla Solidarietà ".


Programma:

  • Saluto introduttivo del Responsabile di Area di Pedagogia IUSVE: prof. Enrico Miatto
  • Introduzione al focus a cura dei Proff. Alberto Baccichetto e Marco Emilio
  • Relazione introduttiva del Prof. Italo Fiorin LUMSA – Scuola A.F. EIS
  • Workshop paralleli: esperienze di service Learning con i dott. Consegnati e Culcasi della Scuola di Alta Formazione "Educare all'incontro e alla Solidarietà ".
  • Conclusioni finali

 

 

FOCUS - Non sapere di sapere: studenti e docenti nella complessità del discorso universitario

FOCUS -“Non sapere di sapere: studenti e docenti nella complessità del discorso universitario”
Data: 7 maggio 2021
Ore:  dalle 09.00 alle 12.00
Il focus si terrà online https://meet.google.com/wbe-dkps-khg

 “Non sono le cose che non sai a metterti nei guai. 
È quello che dai per certo che invece non lo è.”
Marc Twain

Il focus vuole essere una possibilità di mettere al lavoro docenti e studenti coinvolti intorno a ciò che ci interroga in merito alle diverse forme di sapere e a come queste vengono trasmesse, all'importanza della dimensione del tempo per conoscere e della posizione da cui conosciamo o accediamo al sapere.

Relatori
Moreno Blascovich, docente IUSVE, psicoanalista, docente ICLeS e supervisore di comunità

Beatrice Saltarelli, docente IUSVE e psicoterapeuta
Marzia Sgambelluri, docente IUSVE, piscoterapeuta e membro del Forum Lacaniano in Italia 
Vincenzo Salerno, docente IUSVE, filosofo e direttore della Comunità educativa La Viarte

FOCUS - La pluralità del valutare

Titolo: La pluralità del valutare. La valutazione degli interventi sociali ed educativi come opportunità di apprendimento per i professionisti e le organizzazioni.
Data: 10 Aprile 2021
Ore: dalle 14.00 alle 16.30
L'evento si terrà online https://meet.google.com/idh-tbkq-twr
Insegnamento: Strumenti di monitoraggio e valutazione dei progetti complessi – Prof.ssa Floriana Colombo
Relatore: prof. Gabriele Tomei - Università di Pisa - https://people.unipi.it/gabriele_tomei/

I servizi e i progetti socio-educativi possono essere utilmente alimentati dalle retroazioni o feed-back derivanti delle attività valutative. Il sistema di valutazione, inteso come  misurazione e validazione plurale degli sviluppi progettuali, costituisce un'opportunità di apprendimento cruciale da parte dei diversi soggetti implicati dal sistema progettuale (committenti, operatori, destinatari diretti e indiretti, finanziatori). Ciò nonostante il tema della valutazione dei progetti socio-educativi è spesso ambivalente. Provoca il timore del giudizio, la paura di un ulteriore carico di adempimenti ma anche una spinta al miglioramento.

Le Linee guida per la realizzazione di sistemi di valutazione svolte dagli enti del Terzo settore, ma anche le recenti iniziative sulle povertà educative, hanno rafforzato queste spinte, pur lasciando molte questioni da chiarire per i professionisti e le organizzazioni.

Ne parleremo con il prof. Gabriele Tomei docente di Programmazione e valutazione dei servizi sociali presso l’Università di Pisa, Presidente dell’Associazione Italiana di Valutazione (AIV) e Direttore Scientifico del Centro di Ricerca VOIS sulla Valutazione di Outcome e di Impatto Sociale dei Programmi Complessi.

Il focus vuole permettere ai partecipanti di costruire un’immagine plurale della valutazione, attenta ai processi di apprendimento, capace di raccogliere le sfide che educatori, coordinatori, pedagogisti, assistenti sociali e le organizzazioni del Terzo Settore stanno vivendo

FOCUS - Digital augmented education

Titolo: Digital augmented education. Tecno-entusiasti e tecno-pessimisti: uno sguardo trans-disciplinare sulla scuola e sulla didattica.
Data: giovedì 18 marzo 2021
Orario: dalle 09.00 alle ore 12.00
L'evento si terrà online sul canale YouTube e Facebook dello IUSVE e sul canale YouTube di Cube Radio.

Il Focus si propone di mettere a tema la Digital Augmented Education, nei suoi risvolti comunicativi, psicologici, antropologici, pedagogici ed etici al fine di delineare una proposta educativo-didattica di qualità in un’ottica trasversale integrata e trans-disciplinare.

Nello specifico si cercherà di sottoporre a verifica l’ipotesi in base alla quale un buon utilizzo della didattica digitalmente aumentata sia necessario per la creazione di un ponte, di una continuità, tra la scuola e la vita, indagando come la presenza e l’utilizzo delle tecnologie digitali abbia antropologicamente modificato i bambini e i ragazzi di oggi e mettendo in questione la risposta di una scuola finalizzata a dare continuità all’esperienza di apprendimento del “nuovi bambini”.


Docenti
Lorenzo Biagi, docente dell’Area di Pedagogia.
Luca Chiavegato, docente dell’Area di Comunicazione.
Giovanni Fasoli, docente dell’Area di Psicologia.

Per maggiori informazioni
don Giovanni Fasoli (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)


FOCUS - Gli Invisibili: Sguardi Azioni Parole sulle persone senza dimora

Titolo: Gli Invisibili: Sguardi Azioni Parole sulle persone senza dimora
Data: 4 dicembre 2020
Orario: dalle ore 16.30 alle 19.30
Materia di riferimento: Laboratorio di Specializzazione 3 MPed
Docenti: Lucia Ferraro – Ludovico Guglielmo
Il Focus sarà online: http://meet.google.com/roa-vmce-ksk

Come raccontare il sociale? Quali strumenti possono favorire la narrazione e la costruzione dei processi di comunità? Come la fotografia e lo strumento di azione partecipata  Photovoice possono favorire processi di coscientizzazione nel territorio?

Il focus, guidato dal videomaker Ludovico Guglielmo, offrirà la narrazione dell’esperienza del Progetto Photovoice realizzato in collaborazione con ArciSolidarietà nella città di Rovigo sul tema dei senza dimora accolti nell'asilo notturno Arcobaleno e coinvolti nel progetto Housing First. Sguardi Azioni Parole catturati da un obiettivo fotografico, dove le immagini sono state prodotte da chi quotidianamente si ritrova a vivere per strada senza un posto dove andare. Che cosa il territorio non vede? Che cosa il territorio non sa? Quali barriere e pregiudizi decostruire nel processo educativo di un’intera comunità? Il Focus intende offrire spunti utili all’elaborazione di possibili percorsi di risposta.

Lucia Ferraro, Responsabile Progetto Terza Missione - Ped e Docente di Metodologie pedagogiche per l'Animazione, Tecniche teatrali per l'educazione, Strumenti di Empowerment“

Ludovico Guglielmo, rodigino, fotografo di professione, da quindici anni collabora con enti e associazioni per promuovere l'uso della fotografia come strumento di indagine della realtà personale nel campo della disabilità e all'interno di percorsi formativi per adulti e adolescenti.

Per maggiori informazioni e iscrizioni
Prof.ssa Lucia Ferraro (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)