L'importanza della mindfulness a scuola

Studente: Veronica Marinelli
Titolo tesi: L'importanza della mindfulness a scuola
Docente relatore: Prof. Enrico Miatto
Docente controrelatore: Prof.ssa Maria Chiara Cianfriglia
Presidente commissione di tesi: Prof. Marco Emilio
Data discussione tesi: 05 ottobre 2021
Licenza in: Scienze pedagogiche

Lo scopo della tesi è indagare i benefici della mindfulness e dell’educazione emotiva a scuola. Il concetto di mindfulness nasce come tecnica meditativa oltre 2500 anni fa e viene ripreso in epoca moderna dal dottor Jon Kabat Zinn che la definisce come la consapevolezza che deriva dal porre attenzione al presente senza emettere giudizi. Gli studi fatti in questi anni hanno dimostrato come essa porta benefici non solo negli adulti ma anche nei bambini, essa aumenta la capacità di concentrazione, le capacità attentive e l’autoregolazione delle emozioni. L’insegnante è il primo che dovrebbe creare benessere a scuola attraverso il silenzio, l’ascolto attivo, l’osservazione e la lentezza ma anche attraverso dei valori che dovrebbe incarnare, l’aver cura di sé e dell’altro, essere consapevole di sé ed essere empatico, saper creare relazioni positive e di significato con i propri studenti. Tutto ciò aiuta il maestro ad avere una visione globale del bambino e sul suo sviluppo psico-fisico. Dunque perché è così importante il suo utilizzo a scuola? Le ultime scoperte nel campo delle neuroscienze hanno dimostrato come memoria ed emozione siano collegate, quindi se un bambino associa per esempio alla matematica un’emozione negativa, ogni volta che dovrà svolgere un esercizio essa si ripresenterà allo stesso modo. Ecco perché è importante praticare esercizi di l’educazione emotiva e mindfulness a scuola per consapevolizzare, supportare e promuovere uno sviluppo naturale del bambino in un ambiente positivo in cui possa scoprire se stesso, le sue capacità ma anche per potersi aprire alla socialità instaurando relazioni positive con i coetanei di tipo collaborativo, empatico e altruistico.

The purpose of this thesis is to investigate the benefits of teaching mindfulness and emotional learning in schools. The concept of mindfulness was born over 2500 years ago as a meditation technique and it was revisited in modern times by doctor Jon Kabat Zinn, that defines mindfulness as the awareness that derives from focusing on the present, without judging it. Literature shows that mindfulness benefits not only adults but also children, by improving concentration, attention span and emotional adjustment. The teacher should promote welfare at school through silence, active listening, observation and slowness, but also through the values that the teacher should embody: taking care of yourself and of the other, being aware of yourself and being empathetic, being able to create positive and meaningful relationships with the students. All of this helps the teacher have a global vision of the child and of their psychological and physical development. So why is it so important to practice mindfulness in schools? The latest discoveries in the field of neuroscience have shown that memory and emotions are interconnected, so if a child associates, for example, maths with a negative emotion, every time they need to approach a maths exercise this negative feeling will show up. That is why it is important to practice emotional learning and mindfulness schools, in order to raise awareness, support and promote the child’s natural development in a positive environment in which the children can discover themselves, their capabilities but also so they are able to open up to socialisation by building positive relationships with their peers in a collaborative, empathetic and altruistic manner.