La mitezza, sostegno dell'agire educativo. La riscoperta di una virtù per rendere gli educatori saldi nel loro agire e per far fiorire il possibile nelle sfide del nostro tempo

Studente: Elena Mantoet
Titolo tesi: La mitezza, sostegno dell'agire educativo. La riscoperta di una virtù per rendere gli educatori saldi nel loro agire e per far fiorire il possibile nelle sfide del nostro tempo
Docente relatore: Prof. Lorenzo Biagi
Docente controrelatore: Prof. Pierangelo Bordignon
Presidente commissione di tesi: Prof. Davide Girardi
Data discussione tesi: 06 ottobre 2021
Baccalaureato in: Scienze dell'educazione - Educatore sociale

Con questa tesi si vuole andare ad indagare quale sia il contributo della virtù della mitezza in educazione. In particolare, si vuole dimostrare come il mettere in pratica questa virtù possa condurre a rendere saldo il carattere dell’educatore e a creare contesti comunitari capaci di sostenere la pratica educativa e la valorizzazione dell’umano. Se si supera la visione pregiudiziale che ingabbia la mitezza dentro gli stereotipi della sottomissione e dell’arrendevolezza, si scopre che in realtà questa virtù pone al centro della sua attenzione il legame sociale, che mira a custodire sopra ogni cosa. L’atteggiamento che mette perciò in atto la persona mite si rifà alla dinamica del dono, dove si sceglie di dare qualcosa di sé all’altro senza pretendere qualcosa in cambio, ma per il semplice fatto che la gioia e il senso di libertà che si sperimenta vivendo questa condizione è decisamente più gratificante rispetto che rinchiudersi negli egoismi che annichiliscono l’io. Nella pratica costante della virtù della mitezza si crea nell’uomo un habitus che concorre a renderlo forte nel suo agire e quindi capace di prendere scelte sempre più volte a difendere la vita e la dignità umana. Perciò, dal momento che i valori che guidano le azioni umane portano un mutamento degli orizzonti morali dei contesti, le comunità beneficiano dei cambiamenti introdotti al loro interno dalla mitezza e al contempo possono aiutare l’uomo a fiorire in pienezza grazie alle dimensioni della cura, del riconoscimento e del dono che in esse prendono vita.

This thesis intends to examine the virtue’s contribution of meekness in education. It specifically aims to show that practicing this virtue may help building a strong personality in the educator. What’s more, it leads to the creation of communities, which are able to support educational practices for the enhancement of the human beings. Common prejudices usually identify meekness with subjection and compliance; conversely, its focus is taking care of the social bond. The behaviour of meek people reflects the dynamism of the gift, whose practice consists in giving without any expectations to receive something in return. That is because it is much more rewarding living a condition that allows enjoying full gratitude and sense of freedom. Thanks to the constant practice of this virtue, people create for themselves a habitus that strengthen their self-confidence. Moreover, it leads to make courageous decisions in order to defend life and human dignity. Since values of the human actions produce changes in the moral horizons, communities are shaped by the contribution of the meekness and take advantage from that. At the same time, they can help their members to live a full life thanks to the dimensions of cure, acknowledgment and gift that meekness contributes to develop.