Ri-progettare pedagogicamente il lavoro alla luce della sua qualifica intangibile

StudenteLorenzon Camilla
Titolo tesiRi-progettare pedagogicamente il lavoro alla luce della sua qualifica intangibile
Docente relatore: Prof. Talon Benedetta
Docente controrelatore: Prof. Pozzobon Andrea
Presidente commissione di tesi: Prof. Crocetta Christian
Data discussione tesi: 12 gennaio 2019
Laurea Magistrale inProgettazione e gestione degli interventi socioeducativi

Il presente elaborato si propone di indagare l’ambito organizzativo e le dinamiche psico-sociali e pedagogiche che lo compongono. A partire da un’analisi del mondo del lavoro, si è potuto analizzare il fenomeno del cambiamento lavorativo e delle nuove competenze, soprattutto trasversali (le cosiddette soft skill), che vengono, oggi, richieste alle persone all’interno delle organizzazioni di appartenenza. Si è quindi esplorato il tema relativo alla dimensione personale e sociale del lavoratore: i suoi bisogni, la sua motivazione, l’empowerment e la dimensione gruppale alla quale esso appartiene, per giungere alla funzione di integrazione e sinergia, tra le dimensioni sopracitate, rappresentata dal coordinamento. Questa carrellata bibliografica, nazionale ed internazionale, si è contraddistinta come fondante per lo sviluppo del case study presente nell’ultimo capitolo, il quale accoglie, al suo interno, una raccolta di dati quantitativi, avvenuta tramite una prima osservazione partecipante e la successiva somministrazione di un questionario. Sono stati analizzati 22 items riguardanti le aree del contesto relazionale, della valorizzazione delle risorse umane e del coordinamento/management, dapprima in maniera descrittiva e, successivamente, mediante una lettura interpretativa, basata sulla bibliografia di riferimento. I risultati ottenuti mostrano come, all’interno dell’organizzazione, si percepisca la necessità di una cultura che associ pratiche puramente aziendalistiche e protocollari orientate al profitto a pratiche, invece, di tipo comunitario, volte alla valorizzazione del potenziale umano, sia in termini professionali che personali, legate a quell’”intangibilit{” che contraddistingue la dimensione educativa e pedagogica.

This thesis/paper aims to investigate its organizational field, and psychosocial and pedagogical dynamics. Firstly, following the analysis of labour market, this paper studies the phenomena of job changing and new competences required to people within their belonging organization, in particular transversal competences (also known as soft skill). Secondly, this study analyses the issue concerning personal and social dimension of worker. Above all, its needs, motivation, empowerment and group dimension to which he belongs to, in order to reach the equilibrium function represented by the coordination. This biography, national and international, has distinguished itself as foundation of development of case study, that we have spoken in the last chapter, where we talked about quantitative data obtained at first with the observation and then with a questionnaire. 22 items about relational context area, enhancement of Human Resources and management were analysed: first with a descriptive approach then interpretative, based on reference bybliography. The results show how, inside of the organisation, a culture which associates profit-oriented business pratices to communitary practices is a perceived need, aimed to the enhancement of human potential, professional as well as personal, linked to that untangibleness identifying educational and pedagogical dimensions.