Laboratorio di Metodologie pedagogiche per l’animazione

Tipo insegnamento: Obbligatorio

Codice: PED06023

Crediti: 2

Ore: 40

Docenti:

BORDIGNON PIERANGELO

FERRARO LUCIA

PRESOTTO CARLO

Finalità dell'insegnamento e apporto specifico al profilo professionale

L'animazione è un approccio all'azione educativa che agisce sul piccolo gruppo per sviluppare nella persona la conoscenza di sé, le competenze socio-relazionali, la capacità espressiva e quella comunicativa. 

 L’attuale sfida al cambio di paradigma proposto dal pensiero dell’ecologia integrale, coinvolge in profondità anche l’ambito dell’animazione sociale e culturale. Richiede all’animatore di agire attivamente all’interno di una complessità di cui fa parte anche la consapevolezza di quanto sia necessario farsi carico della cura della casa comune

 Il laboratorio parte da una riflessione transdisciplinare condivisa con il seminario di etica e deontologia, per sviluppare una ipotesi progettuale applicata ad una situazione reale. 

Il laboratorio partirà da una delle tematiche presentate dal seminario di deontologia per esplorare l’orizzonte dei bisogni nella realtà concreta di un progetto educativo esistente. Una realtà scelta nell’ambito della fragilità, della povertà educativa, del sostegno alla persona, sulla quale sarà attivato il progetto di un percorso trasformativo per contribuire alla costruzione della figura di un educatore "in uscita".

Prerequisiti richiesti

Non ci sono prerequisiti specifici richiesti. L'esperienza nel condurre attività di gruppi o contesti di animazione potrà essere un elemento utile all'intero gruppo di lavoro

Competenze

Lo studente sarà messo in condizione di progettare un intervento di animazione in contesti educativi. Verranno sviluppato un percorso di consapevolezza e sviluppo personale sul complesso delle cosiddette competenze per la vita e delle competenze relazionali, secondo un percorso di gruppo e personalizzato. Competenze specifiche di attività saranno: Autoconsapevolezza, Capacità relazionali, Gestione delle emozioni, Creatività, Empatia,Senso critico.

Abilità

Creazione del setting di una attività di animazione. Osservazione/descrizione di una attività di animazione. Lavoro in equipe per l'analisi del contesto e la qualificazione di un progetto. Conduzione una attività a mediazione corporea con un gruppo.

Conoscenze

Terminologia di base della pratica dell'animazione. I diversi modelli di attività di animazione. Metodologia della progettazione educativa. Tecniche di comunicazione e di gestione del gruppo. Approccio Antropologico, pedagogico ed etico alla lettura di un contesto.

Bibliografia

- Brandani, W., Tomisich, M., La progettazione educativa. Il lavoro sociale nei contesti educativi, Roma, Carocci, 2005. Pag. 1-58. 

 - Pollo, M., Animazione culturale. Teoria e metodo, Roma, Las, 2002. Pag. 9-19 (Parte prima. Cap.1 Animazioni e Animazione Culturale in Italia: Breve Storia) e pag. 250-371 (Parte quarta. Dal Cap.1 al Cap.8 compreso),

Metodologia

Le attività teoriche saranno strettamente connesse alle esperienze pratiche, quali esercizi sulla consapevolezza corporea, giochi relazionali, attività di soluzione di problemi in gruppo, esperienze sensoriali, giochi creativi, attività espressive.

Criteri di valutazione e Modalità d'esame

Il criterio di valutazione si muove su tre livelli: 

 - l'apporto alla ricerca comune del laboratorio 

 - lo sviluppo personale all'interno del lavoro sulle competenze 

 - la capacità di rielaborare e fissare concettualmente i temi affrontati. 

 Questi tre livelli verranno monitorati attraverso esercitazioni in itinere, per poi costituire il tema di un colloquio orale. La valutazione della teoria verrà effettuata tramite un test di esercitazione prima della fine del corso. 

Contatti e Orario di ricevimento

I docenti ricevono al termine delle lezioni su appuntamento