Laboratorio di specializzazione professionale 1

Tipo insegnamento: Laboratorio (segnaposto)

Codice: PED06018

Crediti: 4

Ore: 32

Docenti:

ORZES RUDY

Finalità dell'insegnamento e apporto specifico al profilo professionale

Il ruolo dell’impresa sociale nel welfare è in evoluzione. Oggi agli imprenditori sociali è richiesto di saper raccogliere le esigenze anche inespresse o latenti del territorio e trasformarle in azioni di risposta concrete, competenti, sostenibili, spesso innovative. L’avvio di un’impresa sociale deve coniugare gli aspetti valoriali, di risposta, con gli aspetti imprenditoriali. Il corso si pone l’obiettivo di fornire agli studenti le conoscenze e competenze base necessarie per la strutturazione di una pianificazione imprenditoriale partecipata, delineata in un business plan, che tenga conto dei precedenti aspetti. 

Prerequisiti richiesti

Nessuno

Competenze

In questo laboratorio, gli allievi, faranno esperienza pratica di un processo di pianificazione strategica partecipato preliminare all’avvio di una start-up. Partendo da una propria idea di sviluppo, gli allievi lavoreranno in piccoli gruppi sul processo che li porterà dalla definizione di valori, mission, vision, alla struttura gestionale e organizzativa e finalmente alle azioni concrete per l’avvio dell’impresa descrivendole in un piano di azione / business plan che coniughi l’obiettivo sociale-di welfare-educativo con la sostenibilità economica.

Al termine del percorso lo studente sarà in grado di applicare metodologie e strumenti utili per la pianificazione di una start-up sociale e/o dello sviluppo di un nuovo servizio in ambito educativo o settore d’impresa sociale ed eventualmente di scegliere e valutare il bisogno di consulenza specifica. 

Le competenze ottenute consentiranno in particolare di assicurare coerenza tra valori, obiettivi e azioni concrete, senza perdere di vista gli aspetti di sostenibilità. L’ottica è di divenire imprenditori sociali in ambito educativo e non imprenditori del sociale. 

Abilità

Analizzare i contesti individuando bisogni anche inespressi o latenti.

Individuare strategie di risposta da gestire con l’impresa sociale e pianificare le azioni conseguenti.

Applicare le conoscenze acquisite nella strutturazione di un’impresa sociale.

Selezionare eventuali fornitori di consulenze specifiche.

Valutare le risorse disponibili.

Definire un piano d’impresa e perseguirlo.

Gestire il rapporto tra soci. 

Conoscenze

Strutturare mission e vision in documenti utili all’impresa sociale.

Definire e strutturare un piano strategico d’impresa (o un piano di nuovo settore d’impresa), monitorarlo e presentarlo ai possibili finanziatori.

Le cinque forze di Porter.

Il piano di marketing.

La catena del valore di Porter.

L’organigramma.

Il timing.

Il piano di fattibilità economico finanziaria (breve).

Il controllo di gestione (breve). 

Bibliografia

Bibliografia obbligatoria:

Appunti delle lezioni e articoli scientifici forniti dal docente in piattaforma.

Borzaga C., Fazzi L. (a cura di) (2008), Governo e organizzazione per l’impresa sociale, Carrocci, Roma. In questo testo le pagine oggetto di studio sono (nota: le schede contenute non sono oggetto di esame, ma sono case history da leggere):

  • La mission (da pag.68 a pag.74)
  • La governance (da pag.75 a pag.106)
  • Lo sviluppo strategico (da pag. 199 a pag. 221) 

Bibliografia consigliata:

Biagi Lorenzo (2021), ecologia integrale e transdisciplinarità, IUSVeducation #17 estratto.

Carlo Borzaga (2016), l’impresa sociale nel perimetro del terzo settore: riposizionamento e rilancio; Impresa Sociale n.7, 2016.

Carlo Borzaga, Giulia Tallarini (2020) Saggio: Dall’economia sociale all’economia socializzata; Imprese sociali e Covid-19 Tra difficoltà e resilienza; Impresa Sociale n. 1, 2021.

Luca Fazzi (2020), La grande narrazione: il passaggio di paradigma del Terzo Settore tra retorica e realtà; scaricabile liberamente da: https://www.secondowelfare.it/terzo-settore/la-grande-narrazione-il-passaggio-di-paradigma-del-terzo-settore-tra-retorica-e-realta.html.

Paolo Venturi, Domenico Sturabotti (2018), imprese coesive: relazioni e territorio come leve della competitività; AICCON s h o r t p a p e r 1 8 / 2 0 1 8. Scaricabile gratuitamente da internet su sito AICCON.

Paolo Venturi, (2020), dono e donazione: una relazione armonica; AICCON s h o r t p a p e r 21/2020. Scaricabile gratuitamente da internet su sito AICCON.

Guida per startup innovative a vocazione sociale alla redazione del “Documento di Descrizione dell’Impatto Sociale”; (21 gennaio 2015). Ministero dello sviluppo economico Segreteria tecnica del Ministro. Scaricabile gratuitamente dal sito del ministero. 

Focus

Strutturazione e perseguimento di Piano strategico d’impresa sociale.

Metodologia

Brevi lezioni frontali partecipate, esercitazioni in gruppo seguite dal docente con modalità coaching e/o attività nella piattaforma FAD, testimonianze.  

Criteri di valutazione e Modalità d'esame

L’esame consisterà nella valutazione del progetto di una pianificazione imprenditoriale (business plan) scelto e sviluppato in aula in gruppo e di una prova orale consistente in una valutazione-confronto congiunto del processo di strutturazione e della sua presentazione.

Contatti e Orario di ricevimento

r.orzes@iusve.it 

Il docente riceverà gli studenti (anche a gruppi), su appuntamento, o nei giorni e negli orari concordati a lezione