Analisi e progettazione didattica per la prima infanzia

Tipo insegnamento: Obbligatorio

Codice: PED04900

Crediti: 5

Ore: 35

Docenti:

CIANFRIGLIA MARIA CHIARA

Finalità dell'insegnamento e apporto specifico al profilo professionale

Partendo da una puntuale riflessione e analisi circa gli aspetti della professionalità dell'educatore nei servizi per l'infanzia, il corso mira a fare acquisire capacità critica e competenza rispetto a diversi ambiti: la progettazione nei servizi educativi, la documentazione educativa, la valutazione del contesto.

Prerequisiti richiesti

Non vengono richiesti prerequisiti specifici, tuttavia il corso si pone in continuità con gli insegnamenti di “Sociologia della prima infanzia” e “Pedagogia dell’infanzia”, frequentati al primo anno. Pertanto si consiglia di sostenere gli esami di questi due insegnamenti, per acquisire le conoscenze e competenze propedeutiche all’insegnamento di Analisi e progettazione didattica nella prima infanzia.

Competenze

APD 1 – Saper analizzare in modo critico i diversi modelli di programmazione e progettazione didattica in relazione a diversi approcci teorici di riferimento; 

APD 2 – Saper analizzare in modo critico e saper elaborare le fasi di un percorso didattico, prendendone in esame obiettivi, metodologie e modalità di verifica e valutazione, a partire da esempi concreti e dalle teorie presentate; 

APD 3 – Saper analizzare in modo critico e saper elaborare una Carta dei Servizi, a partire da esempi concreti; 

APD 4 – Saper analizzare in modo critico i diversi modelli di valutazione e di autovalutazione dei processi e degli esiti della progettazione; 

APD 5 – Saper elaborare un’adeguata documentazione didattica per predisporre strumenti di valutazione del processo di insegnamento-apprendimento. 

Abilità

Al termine del corso lo studente (con relativi Indicatori di Dublino/ID e Competenze/APD: 

• sa definire nelle loro diverse fasi, i progetti pedagogici del servizio educativo, anche in continuità con le famiglie, la scuola dell'infanzia e le agenzie del territorio (ID1/2-APD1,2); 

• sa definire progetti specifici di attività educative e didattiche rivolte a bambini dagli zero ai tre anni e relativi anche a percorsi di continuità con la scuola dell'infanzia (ID1/2-APD1,2) 

• sa definire i punti principali di una carta dei servizi di un centro per la prima infanzia, basandolo sull’analisi di un contesto preciso (ID 1/2/4 - APD3)

 • sa documentare, utilizzando diversi tipi di linguaggi, i progetti educativi e le esperienze didattiche in essi realizzati (ID 1/2/4 – APD5) 

• è in grado di utilizzare strumenti di valutazione/autovalutazione della qualità al fine di riflettere sulla propria professionalità e aggiornare le proprie competenze, anche in un'ottica di collegialità con i colleghi (ID 2/3/5 - APD 4,5) 

Conoscenze

Lo studente dovrà: 

• conoscere in modo approfondito i principali aspetti del dibattito pedagogico-didattico sulla progettazione e la valutazione in ambito educativo; (ID1/2-APD1,2,3,4,5); 

• conoscere le principali caratteristiche della carta dei servizi (1/2-APD3); 

• conoscere e comprende i diversi modelli dell'osservazione delle relazioni educative nei servizi per la prima infanzia (ID2/3-APD4); 

• conoscere modelli e sa utilizzare strumenti specifici per l'osservazione dei contesti educativi e l'auto ed eterovalutazione della qualità dei servizi per l'infanzia (ID 3/5 -APD4,5) 

Bibliografia

Monografie 

• RESTIGLIAN Emilia, Progettare al nido. Teorie e pratiche educative, Roma, Carocci Editore, 2012

• TERLIZZI Tania, Didattica del nido d'infanzia, Parma, Ed. Junior, 2010 

• ZONCA Paola, COLOMBINI Sabina, Come progettare al nido. Costruire percorsi di crescita per bambini 0-3, Milano, Mondadori Education spa, 2019. 

 

 Slides del corso su piattaforma Sirius 

 Normativa di riferimento: 

• Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione, Settembre 2012 

• Legge 13 luglio 2015, n. 107, Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per riordino delle disposizioni legislative vigenti, (G.U. del 15.7.2015) 

• Decreto Legislativo 13 aprile 2017, n. 65, Istituzione del sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita sino a sei anni, a norma dell'articolo 1, commi180 e 181, lettera e), della legge 13 luglio 2015, n. 107 (GU n.112 del 16¬5¬2017 ¬ Suppl. Ordinario n. 23) 

• Indicazioni nazionali per la scuola dell’infanzia e primo ciclo, Nuovi Scenari, febbraio 2018 

 

Articoli forniti dalla docente: 

 BONDIOLI Anna, SAVIO Donatella, Valutare la valutazione: una questione metodologica applicata ad un caso di valutazione riflessiva partecipata in asilo nido, in «ITALIAN JOURNAL OF EDUCATIONAL RESEARCH», 13 (2014): 49-68.

 BORDIGONI Fabrizio et al., Gli indicatori di qualità per l’asilo nido, Regione Toscana, Firenze, Istituto degli Innocenti, 1993

 BUCCOLO Maria, Educare nei nidi d’infanzia: dagli spazi creativi e di gioco agli apprendimenti, in «Educare.it» (rivista on line - ISSN: 2039-943X) - Vol. 20, n. 4 – Aprile 2020

 DE SANTIS Mina e BIANCHI Lorella Lorenza, Il laboratorio di Didattica Generale: “La lettura dei contesti scolastici attraverso la transcodifica dei ptof” da KANIZSA Silvia (a cura di), Oltre il fare. I laboratori nella formazione degli insegnanti, Edizioni Junior-Bambini Srl, Reggio Emilia 2017 (parte online), ISBN 978-88-8434-798-5

 FUSTINI Tiziana, Educazione partecipata e corresponsabilità educativa tra famiglia e nido d'infanzia: il volto nuovo dei servizi educativi, in «»Rivista Italiana di educazione familiare, 2(2007), pp. 58-68 

 MIGNOSI Elena, Intersoggettività: il ruolo del corpo nella relazione adultobambino al nido, in «Teorie pedagogiche e pratiche educative”», Bollettino della Fondazione “Vito Fazio-Allmayer", Anno XLV, n. 2, luglio-dicembre 2016, pp. 3-20 

 PIRONI Tiziana, La progettazione di nuovi spazi educativi per l'infanzia: da Ellen Key a Maria Montessori, in «Studi sulla formazione», 1-2010, pag. 81-89 

 PENNAZIO Valentina. Progettazione educativa e accoglienza del bambino con disabilità all’asilo nido, in «Italian Journal Of Special Education For Inclusion», 2015, 3.1: 183-196. 

 ROSSINI Valeria, Sul sentiero dei nidi di ragno. La progettazione educativa in prospettiva 0-6, in «PEDAGOGIA OGGI», 2018, 187-203 

 ZONCA Paola, Educare l’infanzia in un mondo liquido. Una professionalità che investe sulle capacità personali per affrontare l’incertezza, in «MeTis»– A. VII – n. 1 – 6/2017, 5-18 

Focus

I due focus principali saranno: 

• La progettazione educativa, programmazione e valutazione al nido 

• La carta dei servizi di un centro per la prima infanzia 

Metodologia

Nella prima parte del corso verrà trattata la progettazione e saranno definiti i concetti di progetto e programma e i diversi approcci alla progettazione con riferimento ai cambiamenti che l'assetto normativo che si sta costituendo in Italia. Seguiranno alcune lezioni sulla documentazione educativa e le connessioni tra documentazione e valutazione. Alcune lezioni svilupperanno i principi di base e gli elementi costitutivi della carta dei servizi in un Nido. La parte conclusiva del corso sarà dedicata alla valutazione, partendo dai fondamenti e dalla terminologia di base, per poi affrontare le finalità, le strategie e gli strumenti per valutare il contesto educativo. Le lezioni si svolgeranno in maniera interattiva, attraverso lo svolgimento di lavori di gruppo mirati ai contenuti, per svolgere i quali sarà richiesto di avere consultato i testi in programma durante il periodo di svolgimento del corso (e non semplicemente al suo termine). Verranno stimolate discussioni in piccolo e grande gruppo sia sui lavori di analisi svolti, sia sui contenuti dei testi.  

Criteri di valutazione e Modalità d'esame

ESAME MISTO: PROVA PRATICA DI GRUPPO + PROVA SCRITTA INDIVIDUALE  32/30

 

PROVA PRATIVA DI GRUPPO : una prova di gruppo focalizzata sulla stesura di una Carta del servizio (10/30) 

  • Presenza delle parti che costituiscono una carta dei servizi o un progetto educativo annuale (2pt) 
  • Completezza e adeguatezza dei contenuti e dei concetti esposti: Il prodotto dovrà soddisfare criteri e caratteristiche di una carta dei servizi o un progetto educativo annuale (2pt) 
  • Coerenza dell’elaborato: la trattazione prodotta dovrà essere coesa e unitaria, presentando un ordinamento logico dei concetti e un’organicità di pensiero. (2pt) 
  • Presentazione grafica chiara, ben organizzata e accattivante. (2pt) 
  • Correttezza linguistica del testo: un linguaggio adeguato, grammaticalmente corretto e ben articolato nella sua sintassi  max 2 errori di tolleranza. (2pt)  

 

PROVA SCRITTA INDIVIDUALE: valutazione scritta individuale delle competenze di base in Analisi e progettazione didattica nei servizi della prima infanzia (22/30) 

n. 8 domande a scelta multipla (16 pt. totali) 

  • 2: risposta completamente corretta  
  • 1: risposta parzialmente corretta  
  • 0: risposta errata  

 

n. 2 domande a risposta aperta breve (6 pt. totali) 

  • 3: risposta completa e utilizzo di linguaggio specifico e appropriato 
  • 2: risposta completa ma con linguaggio non specifico e appropriato 
  • 1: risposta parzialmente corretta  
  • 0: risposta errata o non risposta 

Contatti e Orario di ricevimento

Il docente riceve su richiesta degli studenti (in presenza o a distanza) accordandosi preventivamente via mail al seguente indirizzo: m.cianfriglia@iusve.it.