Reti digitali

Tipo insegnamento: Obbligatorio

Codice: PED05701

Crediti: 5

Ore: 40

Docenti:

FASOLI GIOVANNI

Finalità dell'insegnamento e apporto specifico al profilo professionale

Finalità dell'insegnamento

Il corso si propone di offrire agli studenti competenze pedagogiche per pratiche critiche e criteri teorico/pratici di gestione delle reti digitali in vista della progettazione socio-educativa:

- nel contesto sviluppatosi in seguito alla “nascita della società in rete”;

- in riferimento alla co-costruzione identitaria a livello individuale ed aziendale;

- rispetto alla modificazione del legame familiare;

- dentro un ambito di cambiamento di significato delle reti relazionali ed amicali;

- con intelligenza critica - antropologica pedagogica ed etica - rispetto alla cultura digitale, ai suoi destini e alle sue possibili derive;

- con riferimento al mondo del lavoro nella società post-individualistica.

 

Apporto specifico al profilo professionale 

Il corso intende approfondire le competenze professionali (vale a dire pedagogiche) di un educatore negli ambiti della comunicazione digitale e nella prospettiva specifica della progettazione di interventi educativi nel sociale.

Oggi l’educatore è chiamato a vivere e a lavorare in contesti sociali e relazionali contrassegnati dalla new-media communication e dall’aspetto fluido della “società in rete”. Il corso ha l’obiettivo di fornire competenze e conoscenze pedagogiche che permettano di inserirsi all’interno della Rete in modo costruttivo/critico e di fornire chiavi di lettura teorico-pratiche che portino l’educatore ad integrare l’aspetto tecnologico-comunicativo con quello antropologico pedagogico ed etico tanto più se all'interno di scenari di progettazione di servizi socio-educativi.  

Prerequisiti richiesti

Nessuno

Competenze

Il corso si propone di portare al raggiungimento di competenze che mettano lo studente nella possibilità di raggiungere 

- la capacità di lettura critica dei temi più significativi e scottanti in ambito di "reti digitali"; 

- la capacità di decifrare i processi che conducono ad una attenta analisi della domanda della digital generation; 

- la capacità di applicare le conoscenze acquisite mediante la trattazione di approfondimenti sulle ricerche più significative nell’ambito della progettazione sul digitale;

- la capacità di comunicare efficacemente e scientificamente i dati delle ricerche e degli approfondimenti trattati; 

- la capacità di costruire project-work e di applicare le competenze di lettura pedagogico-digitale su case-studies riguardanti le situazioni topiche della disciplina. 

Abilità

Al termine del corso lo studente avrà acquisito la capacità di applicare le conoscenze apprese al fine di: 

- esercitare la propria riflessione personale sui fenomeni;

- comunicare efficacemente e scientificamente i dati delle ricerche trattate;

- elaborare le implicazioni dei principali temi di studio facendo costante riferimento alle implicazioni sulla realtà;

- applicare le competenze in compiti di progettazione socio-educativa nell’ambito della disciplina in questione.   

Conoscenze

Sono rappresentate dai contenuti del dei Moduli del Corso

 

MODULO ZERO

RETI. La nascita della società in rete.

1) Galassia Gutenberg 

2) Galassia Internet 

3) Da McLuhan a Castells 

 

MODULO UNO

RETI IDENTITARIE. Pedagogia dell’identità digitale. 

1) Sè 

2) Self 

3) Selfie 

 

MODULO DUE

RETI FAMILIARI. Pedagogia della modificazione del legame familiare. 

1) Il peer-to-peer 

2) La famiglia 

3) La family 

 

MODULO TRE

RETI AMICALI. Pedagogia dell’evoluzione del significato di amicizia. 

1) Amici digitali

2) Follower 

3) Customers 

 

MODULO QUATTRO

RETI CULTURALI. Pedagogia della cultura digitale. 

1) Digital literacy 

2) Media education 

3) Cultura, educazione, scuola

 

MODULO CINQUE

RETI LAVORATIVE. Pedagogia dell’ambiente di lavoro post-digitale. 

1) Individualismo 

2) Potere 

3) Dono 

Bibliografia

Bibliografia obbligatoria

FASOLI, G. Frames. Reti digitali: consapevolezza e relazione educativa, Trento, Erickson 2021 (prossima uscita) - per l'esame orale individuale.

FASOLI, G. Cyber-bullismo. Adolescenti scuola famiglia, Padova, Libreriauniversitaria.it, 2019 - per la relazione individuale.

 

Bibliografia di approfondimento

AIME, M.; COSSETTA, A. Il dono al tempo di internet, Torino, Einaudi, 2010.

ANICHINI, A. et al., Comunicazione formativa, Milano, Apogeo, 2012. 

BATTRO, A.; DENHAM, P.J. Verso un’intelligenza digitale, Milano, Ledizioni, 2010. 

BISCALDI , A.; MATERA, V. Antropologia dei social media. Comunicare nel mondo globale, Carocci 2019. 

BOYD, D. It’s complicated. La vita sociale degli adolescenti, Roma, Castelvecchi, 2014. 

CARDACI, M. Cyber-psicologia: esplorazioni cognitive di Internet, Roma, Carocci, 2001. 

CARETTI, V.; LA BARBERA, D. Psicopatologia delle realtà virtuali, Milano, Masson, 2001. 

CARR, N. La gabbia di vetro. Prigionieri dell’automazione, Milano, Raffaello Cortina, 2015.

CASTELLS, M. La nascita della società in rete, Milano, Università Bocconi Editore, 2002. 

CIRILLO, L.; BUDAY, E.; SCODEGGIO, T. La terza famiglia, Roma, San Paolo, 2013.

DE KERCHOVE, D. Dall’alfabeto a internet. “L’homme littéré”. Alfabetizzazione, cultura, tecnologia, Milano-Udine, Mimesis, 2008.

DUMOUCHEL, P.; DAMIANO, L. Vivere con i robot. Saggio sull’empatia artificiale, Milano, Raffaello Cortina, 2019.

FASOLI, G. Educatore riflessivo. Tra on-line e on-life, Padova, Libreriauniversitaria.it, 2020.

FASOLI, G. Posizione 2.5, IUSVEeducation, dicembre 2016/08, 76-102.

FASOLI, G.; ROSSI, L. Digital people. Tracce di antropologia digitale. Tra clinical model e development model, Padova, Libreriauniversitaria.it, 2018.

FERRI, P; MORIGGI, S. «Children go touch»: note sulle pratiche di appropriazione delle tecnologie («touch») dei più piccoli (0-10 anni) e sulla necessità di una didattica digitalmente aumentata - ECPS Journal – 15/2017 http://www.ledonline.it/ECPS-Journal/.

FERRI, P. Nativi digitali, Milano, Mondadori, 2011.

FERRI, P.; MORIGGI, S. A scuola con le tecnologie. Manuale di didattica digitalmente aumentata, Milano, Mondadori, 2018. 

FERRI, P.; MORIGGI, S. Destrutturare l’aula, ma con metodo: spazi e orizzonti epistemologici per una didattica aumentata dalle tecnologie ECPS Journal – 13/2016 http://www.ledonline.it/- ECPS-Journal/.

LE DOUX, J. Il Sé sinaptico. Come il nostro cervello ci fa diventare quello che siamo, Milano, Cortina, 2002. LEVY, P. Il Virtuale, Raffaello Cortina, Milano 1995.

MAGLIONI, M.; BISCARO, F. La classe capovolta. Innovare la didattica con la flipped classroom, Erickson 2014.

MARCIANÒ, G. Robot & scuola. Guida per la progettazione, la realizzazione e la conduzione di un Laboratorio di Robotica Educativa (LRE), Hoepli 2017.

MONTAGNA, L. Realtà virtuale e realtà aumentata. Nuovi media per nuovi scenari di business, Milano, Hoepli, 2018.

PRENSKY, M. La mente aumentata. Dai nativi digitali alla saggezza digitale, Trento, Erickson, 2015.

RHEINGOLD, H. Smart mobs. Teconologie senza fili, la rivoluzione sociale prossima ventura, Milano, Cortina, 2003.

RIVA, G. Selfie. Narcisismo e identità, Bologna, Il Mulino, 2016.

RIVA, G.; GAGGIOLI, A. Realtà virtuali. Gli aspetti pscicologici delle tecnologie simulative e il loro impatto sull’esperienza umana, Firenze, Giunti, 2019.

RIVOLTELLA, P.C.; ROSSI, G. (a cura di), Tecnologie per l’educazione, Milano, Pearson, 2019.

SCANDELLARI, R. Fai di te stesso un brand. Personal branding e reputazione online, Palermo, Flaccovio, 2014.

TRIULZI, M. Io, robotto. Automi da compagnia, Rovereto, Osiride, 2019.

WHITTY, M.T.; CARR, A.N. Incontri@moci. Le relazioni ai tempi di Internet, Erickson, Trento 2008.

WINNICOTT, D.W. Gioco e realtà, Roma, Armando, 2006.

 

Ulteriore bibliografia specifica – costituita da articoli scientifici e ricerche internazionali di ultima pubblicazione - sarà fornita durante lo svolgimento dei moduli del programma. 

Focus

Il corso prevede un Focus annuale su una tematica emergente della progettazione socio-educativa in ambito digitale con una PROSPETTIVA TRANS-DISCIPLINARE ed in dialogo con le tre Aree dello IUSVE: comunicazione – pedagogia - psicologia.

Metodologia

IN PRESENZA - Il corso si avvale di metodologie didattiche tradizionali (lezione frontale in aula) integrate da tecniche attive - quali esercitazioni di progettazione in gruppo, cooperative learning e co-working - e dall’uso di materiale video. Nel corso delle esercitazioni gli studenti realizzeranno un project-work, dimostrando di saper far interagire i concetti presentati con le espressioni concrete di “ambiente internet” (social network, applicazioni, nuove espressioni) ed il profilo dell’educatore sociale. 

 

IN MODALITÀ DAD – Il corso utilizzerà la Google WorkSpace for Education, con Google Meet e Google Class-room integrati da una batteria di PodCast in modalità e-learning.

 

IN MODALITÀ MISTA – Il corso integrerà gli strumenti della modalità in presenza con il metodo tipico della flipped lesson nella prospettiva di fare di questo non un ripiego ma l’occasione per lo sviluppo delle competenze digitali. 

Criteri di valutazione e Modalità d'esame

Port-folio (Project-work di gruppo - relazione individuale scritta) ed esame orale.

La relazione scritta verterà sul testo Fasoli, G. Cyber-bulismo Adolescenti scuola famiglia.

Il colloquio orale individuale consentirà di valutare: 1) la conoscenza dei temi presentati durante le lezioni (20%), 2) la capacità di esposizione degli autori e dei problemi sul tema del cyber-bullismo (20%) e 3) di assumere una prospettiva autonoma rispetto alle diverse soluzioni proposte nel project-work di gruppo (60%).

Contatti e Orario di ricevimento

Su appuntamento.

g.fasoli@iusve.it