Principi di progettazione e appalti e bandi pubblici

Tipo insegnamento: Obbligatorio

Codice: PED04902

Crediti: 5

Ore: 40

Docenti:

ZUTTION RANIERI ANTONIO

Finalità dell'insegnamento e apporto specifico al profilo professionale

Il corso si propone di promuovere l’acquisizione delle competenze necessarie per leggere e interpretare in forma critica e consapevole gli attuali impianti culturali e le prevalenti configurazioni organizzative dei sistemi locali di welfare, con particolare riguardo alle forme di regolazione dei rapporti pubblico/privato sociale. Si propone inoltre di sviluppare competenze di base nella progettazione di servizi sociosanitari ed educativi innovativi nei sistemi di welfare locale.

Prerequisiti richiesti

Conoscenze di base delle norme e dell’organizzazione dei servizi di welfare locale.

Competenze

Riconoscere gli elementi costitutivi delle configurazioni organizzative dei sistemi di welfare. Identificare in una prospettiva pedagogica, etica e antropologica, i principali “processi critici” e gli snodi cruciali degli assetti organizzativi delle politiche locali di welfare. Analizzare in forma critica gli strumenti di regolazione delle reti organizzative nei servizi sociosanitari ed educativi con particolare riguardo alle forme di affidamento e partenariato. Esercitare la competenza critica acquisita nell'esaminare gli appalti e i bandi pubblici e nel predisporre proposte progettuali coerenti con una visione di welfare comunitario.

Abilità

Cogliere i nessi intercorrenti tra assetti organizzativi, strumenti di regolazione e visione generativa del welfare Elaborare processi di analisi critica delle componenti strutturali e regolative dei sistemi locali di welfare Utilizzare le conoscenze relative ai sistemi di regolazione delle reti di welfare per identificare le possibili strategie di promozione dell’innovazione Saper identificare i vincoli e le opportunità delle varie forme di regolazione dei rapporti pubblico-privato sociale. Saper analizzare, interpretare e proporre coerenti proposte progettuali relative ad appalti o bandi pubblici nei servizi sociosanitari ed educativi.

Conoscenze

Descrivere gli assetti istituzionali e le forme gestionali dei servizi sociosanitari con focalizzazione sugli elementi di criticità. Illustrare i fenomeni culturali, sociali, istituzionali ed organizzativi che hanno condotto i sistemi di welfare alle configurazioni attuali, con particolare riguardo al ruolo degli Enti del Terzo Settore Argomentare sulla necessità di assumere il paradigma delle reti nell’approccio ai sistemi di welfare. Descrivere e analizzare il ruolo degli strumenti di regolazione dei rapporti pubblico/privato sociale nella configurazione dei sistemi di welfare.

Bibliografia

Dispense e materiali a cura del docente  

Consigliata 

Callini D. (2020), Organizzazioni al servizio dell’impossibile, libreriaunitersitaria.it edizioni, Padova. 

Santuari A. (2019), I servizi socio-sanitari: regolazione, principio di concorrenza e ruolo delle imprese sociali, Giappichelli, Torino.

Bertin G., L. Fazzi (2010), La governance delle politiche sociali in Italia, Carocci, Roma. 

Altra bibliografia specifica sarà segnalata a lezione dal docente. 

Focus

La modalità d’esame prevede un colloquio orale individuale sul materiale didattico messo a programma. I criteri di valutazione verteranno sulla comprensione delle categorie interpretative fornite a lezione dimostrando competenze critiche e di integrazione nei riferimenti ai diversi contenuti teorici, sulla capacità di presentare e connettere i concetti e i temi sviluppati nell’insegnamento in modo coerente e organico, sul sapere utilizzare ed applicare gli strumenti diagnostici forniti.

Metodologia

Le lezioni si terranno in modalità mista (in presenza e on line) e comunque nell’ambito di quanto più generalmente previsto dall’ateneo. È previsto l’alternarsi di contributi teorici in modalità espositiva classica, piccoli lavori in sottogruppi con studio di casi, discussioni plenarie a partire da stimoli polarizzanti dove sarà incoraggiato l’intervento degli studenti

Criteri di valutazione e Modalità d'esame

La modalità d’esame prevede un colloquio orale individuale sul materiale didattico messo a programma. I criteri di valutazione verteranno sulla comprensione delle categorie interpretative fornite a lezione dimostrando competenze critiche e di integrazione nei riferimenti ai diversi contenuti teorici, sulla capacità di presentare e connettere i concetti e i temi sviluppati nell’insegnamento in modo coerente e organico, sul sapere utilizzare ed applicare gli strumenti diagnostici forniti. 

Contatti e Orario di ricevimento

Il docente riceve su richiesta degli studenti accordandosi preventivamente via mail: r.zuttion@iusve.it